Valdigne

Valdigne

Valdigne
CC Ferruccio Zanone

La valle della Dora Baltea e del Monte Bianco, che tra La Salle e Courmayeur prende il nome di Valdigne, fa idealmente da terminale alla regione valdostana, aggirando le pendici del tetto d’Europa e conducendo al grande traforo, al confine con la Francia.

La Valdigne, situata all’estremità nord-occidentale della regione, è probabilmente la principale area turistica della Valle d’Aosta. Ne fanno parte due stazioni sciistiche come La Thuile e Courmayeur, le tipiche attrazioni storiche dei castelli valdostani a Morgex e La Salle, le terme di Pre-Saint-Didier, paradiso di chi ama lasciarsi viziare e coccolare dalle acque.

La valle è ben servita ed accessibile, attraversata dall’autostrada A5, animata di manifestazioni sportive e locali per l’accoglienza dei moltissimi turisti che la affollano tanto nei mesi invernali quanto estivi.

Sulle strade (e i sentieri) della Valdigne

È una valle amata anche da motociclisti e cicloamatori, soprattutto per la bellezza delle strade che da Morgex portano verso il Piccolo San Bernardo. Nei mesi primaverili ed estivi non è raro incontrare intere carovane di centauri che si godono le curve e tornanti della salita, con la vista spettacolare del Bianco e delle cime della vicina Val d’Isere.

Anche chi sta su due ruote, ma preferisce il suono di un respiro affannato a quello del motore, trova pane per i propri denti. Courmayeur, oltre che paradiso dello sci, è meta degli amanti della mountain bike, per i suoi tracciati. Su tutti l’anello della Val Veny, che attraversa i versanti del Bianco, del Mont Roure e di Peuterey, le mulattiere del Colle Belvedere e i sentieri attorno al rifugio Bertone, una base perfetta per gli amanti delle escursioni in bicicletta.